HOME

CHI SIAMO

I NOSTRI PARTNER

PRODOTTI

CONTATTI

ECOBONUS 110%

CLIMA

CALDAIE

SOLARE TERMICO

FOTOVOLTAICO

ACCUMULATORI

POMPE DI CALORE ACS

POMPE DI CALORE ACS + RISCALDAMENTO

POMPE DI CALORE IBRIDE

LAUNDRY PRO

PURIFICATORE D’ARIA

SUPERBONUS 110%

• sostituzione di finestre e infissi

• installazione caldaie a biomassa/condensazione di classe energetica A

• interventi di coibentazione

• riqualificazione totale per ridurre del 50/60% le spese di gas e luce

• rifacimento facciate e lavori condominiali di efficientamento energetico

• impianti fotovoltaici

• messa in sicurezza di strutture rafforzate per chi vive nelle zone a rischio sismico

• acquisto di accumulatori/colonnine di ricarica per auto elettriche

• installazione di pompe di calore, caldaie, scaldacqua a pompa di calore, schermature solari, sistemi di building automation, pannelli fotovoltaici e collettori solari per produrre acqua calda

A chi interessa

Il Superbonus si applica agli interventi effettuati da:

• condomìni
• persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni, che possiedono o detengono l’immobile oggetto dell’intervento
• Istituti autonomi case popolari (IACP) o altri istituti che rispondono ai requisiti della legislazione europea in materia di “in house providing”
• cooperative di abitazione a proprietà indivisa
• Onlus e associazioni di volontariato
• associazioni e società sportive dilettantistiche, limitatamente ai lavori destinati ai soli immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi.

I soggetti Ires rientrano tra i beneficiari nella sola ipotesi di partecipazione alle spese per interventi trainanti effettuati sulle parti comuni in edifici condominiali.

Interventi principali o trainanti

Il Superbonus spetta in caso di:

• interventi di isolamento termico sugli involucri
• sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale sulle parti comuni
• sostituzione di impianti di climatizzazione invernale sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari di edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti
• interventi antisismici: la detrazione già prevista dal Sismabonus è elevata al 110% per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021.

Interventi aggiuntivi

Oltre agli interventi trainanti sopra elencati, rientrano nel Superbonus anche le spese per interventi eseguiti insieme ad almeno uno degli interventi principali di isolamento termico, di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale o di riduzione del rischio sismico. Si tratta di

• interventi di efficientamento energetico
• installazione di impianti solari fotovoltaici
• infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici

EKSI ENERGIA S.R.L. fornisce tutti gli elementi impiantistici per raggiungere l’obiettivo del miglioramento della prestazione energetica necessario all’ottenimento del super Ecobonus.

Infatti, la nostra gamma di prodotti comprende sia i componenti trainanti richiamati direttamente dal Decreto Rilancio, come le caldaie a condensazione o le pompe di calore, sia tutti quelli abbinabili agli interventi trainanti, come i pannelli fotovoltaici e le colonnine di ricarica elettrica, i pannelli solari termici e la VMC.

Nella maggior parte dei casi, quando l’edificio presenta una classe energetica bassa, sarà possibile raggiungere il doppio salto di classe senza necessariamente intervenire sull’involucro, ma sostituendo il generatore di calore (per esempio con un Sistema Doppio Stadio) ed installando se non presente, l’impianto fotovoltaico e/o il sistema di accumulo, che in questo caso possono a loro volta beneficiare della detrazione al 110% in quanto abbinati a un intervento “trainante”.

Gli interventi che consentono di accedere al super Ecobonus

Per quanto riguarda gli interventi per beneficiare del SuperEcoBonus, il requisito fondamentale è il miglioramento di due classi energetiche dell’edificio, oppure, ove questo non sia possibile per le caratteristiche dell’immobile.
Il passaggio di classe energetica deve essere certificato attraverso la presentazione dell’Attestato di Prestazione Energetica ( A.P.E. ), ante e post operam.
Ricordiamo che le classi energetiche degli edifici sono dieci, dalla G, la meno efficiente, fino all’A4.
Ma questa non è l’unica limitazione.
Per accedere al SuperEcoBonus del 110% nei lavori devono essere obbligatoriamente previsti uno degli interventi definiti “OPERE TRAINANTI” ossia:

1) L’isolamento termico delle superfici opache verticali e orizzontali con un’incidenza pari o superiore al 25% della superficie disperdente lorda.
Il limite di spesa, per questo primo intervento è di 50.000 euro complessivi e vi rientrano anche la sostituzione degli infissi e il rifacimento del tetto, per le abitazioni uni-familiari, bi-familiari e villette a schiera.
Il SuperEcoBonus scende a 30.000 euro, moltiplicati per il numero delle unità abitative nel caso di condomìni fino a 8 (otto) appartamenti e a 20.000 euro per i condomini da 9 appartamenti a crescere.
2) La sostituzione del vecchio impianto di riscaldamento con sistemi di produzione di ACS e AT ibridi oppure in pompa di calore, con limite di spesa di 30.000 euro per le abitazioni uni-familiari, bi-familiari e villette a schiera.
In questo caso il SuperEcoBonus scende a 20.000 euro, moltiplicati per il numero delle unità abitative nel caso di
condomìni fino a 8 (otto) appartamenti e a 15.000 euro per i condomini da 9 (nove) appartamenti a crescere sempre moltiplicato per il numero di unità abitative.
Riassumendo:
Solo facendo almeno uno dei due interventi sopra descritti e con l’aumento di 2 (due) classi energetiche si potrà accedere al SuperEcoBonus che farà rientrare nel perimetro del 110% anche tutti gli altri eventuali interventi previsti dal vecchio Ecobonus definiti “Secondari”. Sempre se in concomitanza con uno dei due interventi principali, sono infatti detraibili al 110% anche i costi per:
Installazione di moduli fotovoltaici con tetto di spesa non superiore a 48.000 euro per un massimo di 2.400 euro per ogni kW di potenza nominale.
Sempre nel tetto di spesa degli impianti fotovoltaici, e compresa l’installazione di sistemi di accumulo elettrico con un tetto massimo di spesa pari a 1.000 euro per ogni kw di accumulo e le colonnine di ricarica per un limite massimo di 3.000 euro.

Senza cappotto termico, sistemi di climatizzazione invernale in PDC o ibridi o il mancato raggiungimento delle due classi energetiche, tutti questi interventi godono comunque del eco bonus valido in precedenza del 50%, 65% o 75% a seconda della tipologia di prodotto detraibile.

SUPERBONUS 110%